Le stime ci dicono che nel nostro Paese ci sono circa 550.000 condomini con più di 8 unità abitative che necessitano di lavori di riqualificazione energetica. Si tratta di un numero enorme, che indica un ritardo considerevole sul fronte delle ristrutturazioni, sia per quanto riguarda i costi energetici che per quanto riguarda le emissioni ambientali. Non si può infatti trascurare il fatto che, come ha dichiarato Ilaria Bertini, direttore del dipartimento Unità per l’Efficienza Energetica di Enea, «circa il 40% dei consumi finali e il 36% delle emissioni di gas serra del nostro paese vengono da case, uffici e negozi energivori, in quanto in gran parte costruiti tra gli anni ‘50 e ‘70, quando l’attenzione all’efficienza era minima». Proprio per questo, ha sottolineato Bertini, «la riqualificazione degli edifici esistenti rappresenta una vera e propria miniera del risparmio energetico e favorisce la riduzione dei costi in bolletta per le famiglie, un minore impatto ambientale e una concezione sostenibile dell’abitare, con un indiscusso miglioramento della qualità della vita». Ma da dove è necessario partire per ripensare la manutenzione dei condomini? Quali sono le principali aree di intervento quando si parla di riqualificazione di questi edifici?

La riqualificazione dei condomini: la guida Enea

Per aiutare gli amministratori – ma anche gli stessi condòmini – Enea (ovvero l’ente pubblico che si occupa dei settori dell’energia, dell’ambiente) ha pubblicato la “Guida pratica alla ristrutturazione e riqualificazione energetica degli edifici per amministratori di condominio“, un testo predisposto dalla stessa agenzia nazionale in collaborazione con Isnova, nell’ambito del progetto Italia in Classe A. L’obiettivo della guida è quello di rendere più semplice il processo di efficientamento energetico che dovrebbe arrivare a coinvolgere circa 2 milioni di condomini italiani, all’interno dei quali vivono 22 milioni di persone. Si parla, insomma, di interventi sulle residenze di oltre un terzo della popolazione nazionale.

Diventa quindi importante, come ha sottolineato Enea, fornire agli amministratori tutti gli strumenti e le competenze per scegliere in modo esatto e razionale gli investimenti da effettuare per quanto riguarda la riqualificazione energetica degli edifici, così da ridurre gli sprechi, diminuire in modo netto le spese energetiche e tagliare l’inquinamento. A questo scopo, la guida presentata dall’agenzia è composta da cinque capitoli, ognuno dei quali tratta un tema specifico. Si parla infatti di energia e abitare; dei meccanismi d’incentivazione; degli esempi pratici d’intervento; di sensibilizzare l’assemblea dei condomini per un uso responsabile e consapevole dell’energia; infine, di Condomini +4.0, ovvero dell’app di Enea per la riqualificazione degli edifici.

L’intera guida risulta di estremo interesse per gli amministratori. Spicca però per importanza e utilità il capitolo dedicato ai meccanismi d’incentivazione, all’interno del quale vengono elencati i vari incentivi ai quali è possibili accedere nel momento in cui si decide di ristrutturare un condominio: si presentano quindi il bonus casa, il bonus facciate e l’ecobonus.

Ristrutturazione e riqualificazione condominio: l’importanza di poter contare su un referente unico

Avviare il processo di riqualificazione di un condominio significa ritrovarsi a dover mediare il lavoro del progettista, dell’impresa edile, dei responsabile della sicurezza, degli elettricisti, degli idraulici, dei serramentisti e via dicendo. Misurarsi con una tale platea di interlocutori, dovendo continuare a occuparsi della normale gestione del condominio, non è per nulla semplice, e porta spesso a conflitti, contrattempi ed errori. Diventa dunque fondamentale poter contare su un referente unico, che possa seguire in prima persona i lavori dall’inizio alla fine, e che si occupi della riqualificazione dell’edificio sotto ogni punto di vista. È questo l’approccio che seguiamo noi del Gruppo Aura, che ci mettiamo al fianco dell’amministratore per liberarlo dalle preoccupazioni più pressanti. E non è tutto qui: oltre a occuparci di tutti i lavori di riqualificazione e quindi di manutenzione del condominio, ci occuperemo anche di assicurare al condominio tutti gli incentivi disponibili, per garantire il migliore degli investimenti.

Desideri altre informazioni sulla riqualificazione del tuo condominio, o forse vuoi ricevere un preventivo gratuito? Contattaci: lavoreremo insieme per aumentare l’efficacia e il valore dello stabile!